· 

POESIE IN ORDINE SPARSO

Anime Incendiate

gocce di poesia

Piovan dall'alto

In grande abbondanza 

Gocce di poesia

Piova dall'alto acqua di bellezza 

Diluvi l'armonia

Che innaffi di dolcezza

Le anime incendiate da tanta amarezza

...

 

Fiore Sopravvissuto

fiore sopravvissuto

Piccolo fiore sopravvissuto
Tormentata ricerca di terra e di sole
Di offrire profumo
Non è ancora tempo

Piccolo fiore sopravvissuto
Nei giorni di pioggia e di vento
Difficile parlarsi
Da campane di vetro

Piccolo fiore sopravvissuto

Nell'eterno senza tempo

Assurdo  costringere 

la fioritura 

Piccolo fiore sopravvissuto 

Radice di acqua implorante
Solo balsamo
È il tempo lento

Fragili bocci nella Tua mano 

Comprensione infinita 

Perdono

Noi siamo 

Unico dono

Sete di Vita

È l' abbandono 

Tra le Tue dita




...





...

Pazienza Infinita

pazienza infinita

 

C'è un seme ferito sotto la dura corteccia
E un sole che chiama lontano
Per tutti una traccia
Placenta che accoglie e dilata
Risveglio che attende
Pazienza infinita
♥️

 

Rifugi Spaziosi

rifugi spaziosi

 

Crescere è scoprire

Rifugi più spaziosi in cui volare

Volare in un abbraccio

In cui passa la luce

 

Gli Angeli Sono Pesci

angeli, pesci

 

Gli angeli sono pesci

Sospesi

Da Te avvolti

Di noi odono i suoni

Come echi di carezze

Tra due mondi

 

Ti Riconosco

Sera, pace, bellezza

 

Ti riconosco

Nella Bellezza che tace

Nel rosso buio che avvolge

In questa sera di Pace

...

 

Anima Bambina

Anima bambina

 

Ero giovane selvatica 

Tu gridavi la tua critica

Ero bella e un po' sfrontata 

E mi hai detto prostituta

Ad un tratto venne sera

Scese un'aria un po' seriosa

Io mi feci misteriosa

Tu dicesti

"Sei una strega"

La mia schiena un po' si piega

Al continuo criticare

Io da te devo fuggire !

Dal perenne biasimare...

Fu così che una mattina

Io mi feci piccolina 

Gettai via la mia armatura

Ritrovai la mia 'Bambina'

Dolce, libera e leggera

Ripetesti assai severa 

"Tu non sei una donna vera"

E così io ti ho capita

Non mi vuoi forte e sfrontata

E nemmeno smascherata 

Non mi vuoi di terra e fuoco 

E neanche angelo alato

Tu vuoi solo giudicare 

Quel che in te non vuoi vedere 

Vuoi fuggir da te lontana 

Ti nascondi...

Poverina la tua Anima Bambina ! 

...

 

A Keith

 FINALMENTE

Esistono spazi di pace 

Al di sopra dei conflitti nostri 

Con la Musica Tu ce li mostri 

Ti ascolto e infine mi arrendo

Per questo mondo malato e stanco

Io piango, finalmente, io piango

 

OLTRE

Vorrei andar oltre i contorni

Confondere la mia figura 

Nelle luci della sera

Entrare nei colori impressionisti

Di un  dipinto senza tempo

Che sfumasse il soffitto 

Come un soffio di vento

In questa  stanca stanza

Vorrei essere abbracciata

Da note alate 

Che navighino dentro 

E avvolgan come  madre

Vorrei sapere di quel  rifugio

Che  sarà qui  per sempre 

A stringermi e contenere 

Questa   mia inquietudine

Che non smette di cercare

Un punto che non si sposti

Un sole incastonato

Al centro nell'immenso

Un calmo smarrimento


Vorrei aver la certezza

Che prima di atterrare 

Siamo stati angeli tutti 

Anche quelli più tignosi

Anche quelli rancorosi

Trasparenti e galleggianti 

Danzavamo tutti uniti

In un solo grande  uovo 

E non c'erano partiti 

Solo un dolce dondolare


Vorrei sapere che

Dopo questa vita 

Ci sarà ancora una culla

Un utero di luce

Carezzevole

Di pace

E anime antiche

Che apriranno le braccia

E sarà poi come fu

Un ricordo di embrione

Che dentro ancor galleggia

Vorrei aver certezza

Di riconoscere il mio amato

Se avrà forma diversa 

O forse non l avrà

Ma io non sarò persa


Vorrei due o tre minuti

Di avvolgente Eternità 

Ora qui sperduta 

Seduta col mio cane 

In viso questa brezza

Davanti  alla Bellezza

Ancora qualche attimo 

Di fuggente Infinito 

E che mi dia il coraggio

E che mi renda ardito

Per viver questo viaggio


CONCEPIMENTO 

🎼🎹🎶

C'è un momento prima della nascita 

Un momento prima di ogni concepimento 

Un momento prima di ogni  ispirazione

È necessario sopportarne il Silenzio

Attendere

Respirare

Lasciarsi sorprendere

E  a un certo punto arrivano i venti . 

C è sempre un tempo in cui i venti  soffiano

E accarezzano

Prima  di scegliere 

E di nuovo è attesa

Lunga attesa

Ed è  solo dopo  tutto questo che il  Momento giunge 

Il momento di seguire

Di lasciarsi andare al flusso 

Cedere

Volare

Fidarsi

È il momento del Canto












LA VERA STORIA DI YESHUA 

Tutti credono di sapere la storia di Yeshua

Ma nessuno va a vedere per pensare di testa sua 🌼

Certo molto fu incompreso del Maestro e tutto il mondo

 non conosce il vero volto 

del poeta vagabondo

Tante storie ti hanno detto 

Ma di lui non hai mai letto

 hai di certo idee fasulle

 su quest'anima  ribelle

Io sono qui per voi a narrare quel che a me piace e mi pare

 Ma tu puoi verificare 

sono storie tutte vere

Non crucciarti del domani 

guarda i passeri del cielo 

volan liberi i gabbiani

hanno inteso il mio Vangelo

Certo hai fatto degli errori

 ma di ciò non tengo conto

 non ci sono debitori 

se d'amore vibra il  canto

Questo disse Yeshua 

alla dolce prostituta

Che i suoi piedi accarezzava 

 ...  la peccatrice amata

Ma la cosa assai turbava i formali  farisei

 I maestri della legge

 non lo capiranno mai

E così Yeshua disse

 vi precederanno in cielo

 ladri e pure prostitute.

Quel che dico lo sai è tutto vero

E nel caso tu non creda

 per il naso non ti meno 

di Matteo che tu veda 

al capitolo 21

E se poi vogliamo parlare 

dei racconti di Giovanni

 leggi e vai al numero 8

 e vedrai che non ci sono inganni 

Difendeva lui le donne anche quelle più reiette

 e nessuno tra le folle

 scaglierà  giudizi e pietre

In un tempo in cui le donne

 non potevan neanche entrare 

dentro il tempio dove gli uomini 

si chiudevano a pregare

Lui viaggiava insieme a loro

 Leggi Luca al punto 7 

queste cose forse mai mai 

nessuno te le ha dette

O è possibile che tu non volessi più ascoltare 

quel poeta che invitava

 il bambino in te a sognare

Trova il tuo comandamento 

dentro il cuore Libertà

 Lascia che ti porti il vento

 la Sua mano ti guiderà

...

L ARAGOSTA 


Alcune persone 

sono come  L'ARAGOSTA 

Han  cuore morbido

e pelle tosta

Due strati due vite due anime unite

Due parti diverse insieme cucite

Da fuori è  invisibile il cuore che è dentro

La dura aragosta nasconde tormento 

Profondo tormento, il guscio malconcio

Si deve cambiare, arrivato è il momento

Lei esile e nuda va in cerca di casa

Una tana nascosta ,ma  lunga è l'attesa

L'involucro tutto da ricostruire

Ma crescere in fondo è solo aspettare

BELJA IMPOSSIBILE 

La Bellezza che ostenti
Sfacciata e strafottente
Mi rende inerme ora
La sfoggi ai rami alti
Ed io in punta di piedi
Mi arrendo, sono stanca
Ma ascolto,  sento, guardo
Come l' emorrroisa e il manto 
Leggero che mai raggiunse
Come Efesto e Venere 
Mi son fermata a piangere
Perché più mi muovevo
Più tu ti allontanavi
Ora  interrotta è l'opera
Un oasi di riposo
Per specchio una pozzanghera

SPIRITO  e SPIRITOSO 

Da Spiritus vengono

Son quindi vicini

Per mano si tengono

Forse a qualcuno parrà  un poco strano

Dirà addirittura che sono contrari

Eppure ambedue derivan da Soffio

Sono fratelli non sono avversari

Si tengon la mano con Leggerezza

Soffiano entrambi via la tristezza

..

🌜🙂🌛


.

L'ATTIMO  dell 'ISPIRAZIONE 

L'Ispirazione è un seme di cristallo

racchiuso nella buia  terra

di una   povera quotidianità

Silenzioso richiamo da un raggio 

di  pallido sole 

beatitudine d' ingenua Interezza

È qui nello sferico Istante

che l Arte  scende dal Cielo 

ora di  Orgasmo Perfetto 

E procede a piccoli passi 

lenta e  prudente preserva 

il Sublime e fragile  Inizio

Come una madre attenta

foreste e boschi attraversa

tra mani tremule e chiuse :

un Seme di puro cristallo

....

AMORE LONTANO 


C' è una nota d" argento 

Appesa a una stella

Penzoloni nel cielo rubino

C'è  un filo di perle

Disteso tra i mondi 

Messaggi da molto lontano 

Un Amore che chiama 

A iimmensa distanza 

La' fuori da questa finestra 

Ed io che Ti sogno

La mente s' è  persa

Eppure son desta




VEGLIARE

Forse la mia vita è soprattutto questa, 
piccola fogliolina
Difenderti
Per tutti quelli che, in fuga
 ti  calpestarono
Per coloro che ti nascosero e poi dimenticarono
Forse la mia vita è proprio questa,
piccolo soffio di vento
Vegliare su di te
Come una madre, un soldato, una monaca consacrata 
A te
In questa vita 
di quotidiani lavori di rammendo 
Per te
Per ricucire, chissà quando ,
la tua anima stropicciata  

















 LA FRAGILITÀ NECESSARIA 


Nasciamo piangendo 

e il suono racconta 

di un cielo lontano da cui planiamo

E stringendo le orecchie 

I  denti serrati

Veloci corriamo, corriamo 

Lontano 

Doloroso vagito

Che insiste e ci insegue

Insostenibile suono

Di fragilità  e  trasparenze 

Difficile reggerle

In questo  mondo

Che scambia per forza

Le sue pesantezze

Divenire rigidi 

Muscoli tesi

Poi ossa di vecchio

Gesso sgretolato 

Sul finire degli anni 

E poi finalmente 

In un solo attimo 

Cogliere dentro 

La vitalità 

In una lacrima 

La parte più gracile 

dell' Essere 

Fragile 

Ed è leggerezza 

Che cede e sorregge 

Per poi 

Dolcemente 

Far dono di sé 

Alle stellate oscurità 




CANTO perché il canto mi rende girasole

e giro con il sole in viso

Canto perché  l' Amore mi trovi

Canto perché cerco un paradiso

Canto perché l' usignolo m" invitò 

al coro di primavera

Canto di giorno, canto la sera

Canto ai ghiacci che si sciolgono 

Canto al ritorno dei fiori

Canto per me stessa e per lor signori

Canto una canzone antica

per sentirmi a casa in terra straniera

Canto se divento troppo austera 

Canto perché il suono mi attraversi 

Canto in prosa e canto in versi

Canto perché il vibrare mi dilati il cuore

Canto perché dal buio voglio uscire 

Canto perché c' è  tempo per i lunghi silenzi 

Ma adesso è l' ora del canto

E non potrei fare altrimenti

RIFLESSIONE SULLA VITA

"La scuola di Musica "






La vita è un campus estivo , per imparare a suonare un nuovo strumento musicale

Ci sentiamo un po' come bambini spaesati, lontano dai Genitori

Qualche bambino piange, altri sono eccitati per la nuova avventura, qualcun' altro ancora rimprovera sé stesso per la sua inadeguatezza.

Non è il caso di disperare e incolparsi, i saggi maestri ci insegnano che non ci sono sbagli: siamo tutti qui per imparare.

Nel campus bisogna esercitarsi, superare esami, e non è sempre facile, ma abbiamo  insegnanti, fuori e dentro di noi, che possono renderci più scorrevole il percorso e ci troviamo in un posto incantevole, con paesaggi meravigliosi e tante persone inesperte come noi, chi più chi meno, che condividono la nostra stessa esperienza e proprio per questo da comprendere e amare

E poi abbiamo anche la ricreazione ed il riposo , ci sono i prati, i fiori, il mare ed fortunatamente anche il "telefono" per sentire, le vibrazioni lontane  della voce dei nostri Genitori , i nostri Fratelli, la nostra famiglia unita nell' Altrove Celeste.

E soprattutto c'è la nostra Crescita che non avrà mai fine, la soddisfazione di imparare nuove cose e migliorare nella nostra espressione musicale, il nostro orecchio che si affina, le nostre percezioni che diventano più sottili, il nostro abbandono che si fa sempre più profondo... 

Quando torneremo a Casa saremo musicisti migliori.

Forse saremo un po' stanchi ma avremo gli occhi pieni di Bellezza e Amore da portare con noi nel Mondo Nuovo.














E con gli anni lo scheletro diventò una scatola

Dura e insieme fragile 

All' apparenza ermetica

Fuori dalla scatola ogni illusione 

Ogni follia, ogni sogno ed ambizione

Solo il mio cuore chiuso dentro, nudo 

Ho tenuto 

con me le poche cose 

che ho potuto

Fragilità, paure e le vergogne

Fuori, cosi, in bella vista senza menzogne

Ora che tutta la mia ombra è allo scoperto

Ora che ho chiuso in una scatola il rischio  , l'amore ed anche il certo

Ora che sola, così e nuda mi esibisco

Così sincera,  piccola e commossa

mi prenderai per mano tra i colori ?

Con il tuo Amore mi darai una mossa ?

Con gentilezza

mi chiamerai la' fuori  ?




..



RIFLESSIONI



Siamo fatti d cerchi concentrici, 

Strati protettivi impilati 

Giubbini antiproiettil

Anestetici per tutti i gusti 

Uno sull'altro

Chi  fuggendo cerca protezione, chi tenendosi occupato, chi vivendo da eroe, chi nascondendosi in un guscio, chi mangiando o bevendo senza limite  ,chi esibendo sorrisi conpiacenti e chi, ancora ,  lavorando senza posa.

E sotto tutto questo c'è un tremore, che raramente si avverte in superficie

Due occhi sbarrati 

Una ferita

Un bimbo

Ed immergendosi  un  po' più sotto, al centro, ancora un po' più in là, c,' è un faro

Ed un Guardiano

O forse un Padre

Un Padre buono che da dentro  abbraccia  i cerchi intorno   illuminandoli con la sua luce d'oro

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Massimo (sabato, 24 ottobre 2020 13:23)

    Ho ascoltato Keith, non si riesce a non piangere... Grazie Robi

  • #2

    Roberta (lunedì, 26 ottobre 2020 08:42)

    ���

Pagina Facebook di Voce e Creatività Vocale