Roberta Sdolfo

Da sempre la Musica ha rappresentato per me una via di crescita, di liberazione e di conoscenza di sé. Sin dalla giovane età, dunque, ho seguito un percorso di formazione interdisciplinare passando dallo studio della musica (Conservatorio G. Verdi e Civici Corsi di Jazz di Milano), con approfondimenti su diverse tecniche vocali (classica, Voicecraft, Canto Armonico, Nadayoga e Fisiologia Voxale Applicata,)  dal teatro (Scuola Paolo Grassi), dalla Musicoterapia (C.E.M.B.), dal Reiki (Gayatry, secondo livello) e dalla Danza Sensibile di Claude Coldy (Terreno di Danza ed esperienze di Danza Sensibile nella natura), per arrivare, infine, ad un punto di fusione dei vari vissuti che ha segnato la nascita del mio personale metodo di ricerca vocale e della mia poetica come artista.

 

A partire dal 1992, dopo un breve periodo di attività in campo teatrale, ho iniziato a tenere corsi di vocalità in numerose scuole tra cui i Corsi serali di jazz (C.P.S.M.) presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, la Civica Scuola di Musica di Gorgonzola e la N.A.M. di Milano. Quindi ho proseguito e ampliato la mia formazione frequentando un Corso per la Conduzione di Gruppi con le Artiterapie (Tea), i Corsi Brevi di Counseling Rogersiano e il percorso base della Psicosintesi (Istituto di Psicosinteisi di Milano).

Parallelamente, ho intrapreso un'intensa attività concertistica in numerosi locali  e jazz club, tra cui Capolinea, Scimmie, Tangram, Grilloparlante, Masada, Jazz Club Milano, Doria Jazz Club, Bonaventura, Garage Moulinsky e molti altri ancora.

 

Nel 2011, con il trio di Alberto Bonacasa, ho inciso, per la storica etichetta discografica Philology, Il Lato Jazz del Cuore, un disco di standards rivisitati con testi originali di mia composizione, per merito del quale sono entrata nella classifica Top Jazz redatta dal mensile Musica Jazz relativamente alle categorie Migliori Voci e Migliori Nuovi Talenti.

Nel 2015, con lo stesso gruppo e con la partecipazione straordinaria di due grandi artisti italiani quali Emanuele Cisi e Sandro Gibellini, ho inciso, ancora per Philology, il mio secondo disco Spirito del Vento

 

Con l'intenzione di stimolare alla ricerca coloro che si incamminano sulla strada del canto, nel 2016 ho scritto e pubblicato una guida propedeutica dal titolo Iniziazione alla via del canto. Quaderno di sperimentazioni vocali.

 

Negli anni a seguire ho approfondito lo studio della Fisiologia Vocale Applicata Metodo Lichtenberger Institut für angewandte Stimmphysiologie, privatamente, in seminari i intensivi e presso la Scuola di Villa San Fermoa a Lonigo (Vicenza), seguendo corsi con ( in ordine casuale) Luciana del Col, Gabriella Greco, Luciano Borin, Pierluigi Molinaro, Giuseppe Costi, Monica Scifo, Maria Silvia Roveri e Maria Corno. 


Dal 2018 ho iniziato inoltre ad interessarmi al Body Mind Centering col desiderio di esplorare il legame tra la voce ed il corpo. sulla via di una appassionata e continua  ricerca per la definizione di un mio personale approccio  che si propone come obiettivo principale di approfondire, in modo creativo,  nei  corsi che propongo, la relazione tra la voce, il corpo e l'immaginario in un clima non giudicante,  accogliente e facilitante. Oppure, visto da un'altra prospettiva, sviluppare le potenzialità creative e l'autostima dell' individuo attraverso un percorso di esplorazione della voce in relazione al corpo e all'immaginario.










Pagina Facebook di Voce e Creatività Vocale